In un’intervista alla RTS, l’emittente pubblica svizzera di lingua francese, la responsabile degli eventi EBU, la signora Nadja Burkhardt, ha rivelato come il team organizzativo stia lavorando al fine di poter svolgere l’Eurovision 2021 anche nel caso di misure restrittive dovute al Covid-19.

L’Eurovision Song Contest 2021, che si svolgerà nei Paesi Bassi, a Rotterdam il 18, 20 e 22 maggio, potrebbe dover affrontare diverse problematiche quali, per esempio, cosa fare se alcune delegazioni potranno viaggiare e altre no, come rispettare le regole della competizione e le misure sanitarie; naturalmente tutto deve essere preso in considerazione e questo richiede molta creatività.

Nadja Burkhardt ha dichiarato:

Lavoriamo con altre associazioni, associazioni sportive in particolare e con i nostri membri, come ad esempio la BBC, per scoprire come pianificano i loro eventi, quali sono gli elementi che non abbiamo ancora considerato.

Gli organizzatori devono considerare diverse possibilità come l’idea di uno spettacolo o di un villaggio che tengo conto del distanziamento sociale, se dovesse essere ancora una misura rilevante, o immaginare che alcune delegazioni non possano viaggiare.

Nadja Burkhardt continua:

In effetti, stiamo osservando quello che sta succedendo in questo momento: da un giorno all’altro i paesi entrano nella lista rossa, è possibile viaggiare, non è più possibile viaggiare, si deve cambiare la pianificazione all’ultimo momento.

Gli organizzatori stanno concretamente considerando due possibili scenari: il primo vede, nel caso la pandemia termini, una versione dell’Eurovision 2021 che si svolgerebbe in modo normale, mentre il secondo, nel caso di pandemia ancora in corso, vede una versione dello show che si svolgerebbe in un contesto di contenimento totale. Spiega ancora Nadja Burkhardt:

In questi due scenari, ci sono sotto-scenari. Quello di cui tenere conto non è solo la legislazione del Paese ospitante, ma anche la legislazione di 43 delegazioni. Quello che mi interessa particolarmente è proprio questo momento in cui si deve passare da uno scenario all’altro. Con quanta facilità è possibile passare da una versione all’altra all’ultimo momento.

Ad oggi, lo scenario di una concorso alternativo da svolgersi online non è previsto: 

Ciò significherebbe prendere le cose dalla parte sbagliata. Potremmo anche iniziare a considerare uno scenario disastroso con un concorso completamente online, ma non è questo l’obiettivo. Cercheremo davvero di fare di tutto perché la competizione possa svolgersi sul posto.

Comments

comments