Dopo non esser riuscita a raggiungere un accordo con i primi 3 classificati della selezione nazionale per l’Eurovision Song Contest 2019; MARUV, Freedom Jazz e KAZKA, l’emittente ucraina UA:PBC ha deciso di ritirarsi dal concorso di quest’anno.

Lunedì, è stato annunciato che la vincitrice del Vidbir 2019, MARUV, non avrebbe rappresentato l’Ucraina quest’anno, e nel corso di martedì e e di oggi mercoledì è emerso che anche gli artisti Freedom Jazz e KAZKA, non hanno raggiunto un accordo con l’emittente ucraina.

La UA:PBC ha dichiarato quanto segue sul ritiro dell’Ucraina:

“L’Eurovision Song Contest è un’opportunità per ogni paese di esibirsi in un’area internazionale, e ogni artista deve fungere da ambasciatore del proprio paese e conquistare i fan di tutto il mondo, ma la selezione nazionale quest’anno ha attirato l’attenzione su un problema sistemico nell’industria musicale in Ucraina – la connessione di artisti con uno stato aggressore con il quale siamo nel quinto anno di conflitto militare. Per alcune persone, questi collegamenti sono accettabili, per altre causano indignazione e non accettazione. Seguendo la legge ucraina sulla radiodiffusione pubblica, nonché le condizioni di eccessiva politicizzazione del processo di selezione nazionale, UA:PBC ha deciso di ritirarsi dall’Eurovision Song Contest 2019.”

Dichiarazione ufficiale EBU

“Ogni emittente partecipante è responsabile della selezione del loro artista per l’Eurovision Song Contest in conformità con le regole stabilite dalla European Broadcasting Union. È con tristezza che l’EBU è in grado di confermare che l’emittente dell’Ucraina UA:PBC ha informato l’EBU che, a seguito di ulteriori discussioni, ha preso la difficile decisione di ritirarsi dal l’Eurovision Song Contest 2019. Ci saranno ulteriori incontri tra EBU e UA:PBC su questo argomento, ma speriamo di vederli di nuovo nel 2020. Tuttavia, per ora, non vediamo l’ora di vedere cosa si sta già preparando per creare un evento fantastico a Tel Aviv a maggio.”

Comments

comments