Dopo la presentazione dei nostri giurati,  parte oggi ufficialmente l’appuntamento con EuroPanel 2018, il nostro sondaggio sui brani in gara nell’edizione annuale dell’Eurovision Song Contest. Ogni settimana a turno Mario Acampa, Giulio Pasqui, Lia Fiorio, Flavia Cru e Francesco Di Mento, valuteranno un gruppo di canzoni in gara nel concorso 2018.

Prima Semifinale

Prima Metà – Voti di Mario Acampa

PAESE INTERPRETE TITOLO GIUDIZIO VOTO
Albania Eugent Bushpepa Mall Sound pop celtico, voce rock, ma il pezzo non riesce a trovare una sua identità. 5
Azerbaigian Aysel Məmmədova X my heart Timbro pieno e sensuale di Aysel. L’arrangiamento non è all’altezza. 4
Belgio Sennek A matter of time Il brano ha stile, Sennek ha un fraseggio sensuale. 6
Bielorussia Alekseev Forever Atmosfera retrò per Alekseev. Un pezzo nostalgico, ma dinamico. C’è stile. 6
Bulgaria Equinox Bones Ritmo ipnotico, ma rischia di essere un pò ripetitiva… 5
Estonia Elina Nechayeva La forza Il mix lirico e pop è quantomeno coraggioso nella competizione. Si distingue questo è certo. 6
Islanda Ari Ólafsson Our choice Una ballad d’altri tempi, il giovanissimo Ari conquisterà le giovani europee, ma difficilmente scalerà le classifiche… 5
Israele Netta Barzilai Toy Pop, trap e soprattutto ironica. ritmo estivo e da hit.Personalità dirompente, Netta spacca! 9
Lituania Ieva Zasimauskaitė When we’re old Dolce e delicata, forse fin troppo per una competition europea, ma… fa sognare. 7
Repubblica Ceca Mikolas Josef Lie to me Un animale da palcoscenico! Mikolas ha la faccia, il pezzo e il mood giusto per lasciare il segno all’eurovision! 8

Seconda Metà – Voti di Giulio Pasqui

Austria Cesár Sampson Nobody but you Una canzone christian pop, sembra una canzone che possa restare nel tempo, potrebbe raggiungere il podio. 8
Armenia Sevak Khanagyan Qami Originale di suo per la lingua (la maggior parte cantano in inglese) ma ben poco che lasci il segno. 5
Cipro Eleni Foureira Fuego Se si cerca una hit per l’estate questo potrebbe essere al caso, ma nulla che non si abbia già sentito. 7
Croazia Franka Batelić Crazy Sembrerebbe voler essere una canzone “sexy” e provocatoria, ma la voce non riesce in questo scopo. 6
Finlandia Saara Aalto Monsters L’eco di tutte le canzoni dance anni ‘90. 5
ERI di Macedonia Eye Cue Lost and found Passa dal pop al reggaeton fino alla dance, non identificando alcun risultato chiaro. 6
Irlanda Ryan O’Shaughnessy Together Una canzone pop molto leggera, piacevole dal primo ascolto. 7
Svizzera Zibbz Stones Una canzone potente, la cantante ha una voce pazzesca. 8
Grecia Yianna Terzi Oneiro Mou Cantante molto particolare e ricercata. 6

Seconda Semifinale

Prima Metà .  Voti di Lia Fiorio

Australia Jessica Mauboy We got love L’Australia regala sempre canzoni piacevoli. Anche nel 2018. 7
Danimarca Jonas Flodager Rasmussen Higher Ground Oibò! Questa non è una canzone, è una haka vikinga. 5
Moldavia DoReDos My lucky day Strapazzare così i suoni dei Balcani? Male, molto male. 5
Norvegia Alexander Rybak That’s how you write a song Ricordandoci che chi entra Papa esce Cardinale… però niente male. 8
Paesi Bassi Waylon Outlaw in ‘em Un po’ di country rock non fa male, almeno si distingue. 7
Romania The Humans Goodbye Una band rock autenticamente e musicalmente onesta, very good! 8
Russia Yuliya Samoylova I won’t break Messe da parte le polemiche (spero) comunque non mi colpisce. 6
San Marino Jessika Muscat e Jenifer Brening Who we are Pur amando la Minaj, il rap per me è maschio, ma Jessica che brava! 7
Serbia Sanja Ilić e Balkanika Nova deca Nella migliore tradizione ESC, l’antico ed il nuovo si incrociano, con esito dubbio. 6

Seconda Metà – Voti di Flavia Cru

Georgia Iriao Sheni gulistvis/For you Una canzone che trasmette tranquillità e gioia. Un sound  originale. 6
Lettonia Laura Rizzotto Funny girl Una canzone che fa molto colonna sonora, un po’ “già senito” ma molto carina. 6 e mezzo
Malta Christabelle Borg Taboo Una delle canzoni che mi ha colpito di più, una canzone molto orecchiabile. 8
Montenegro Vanja Radovanović Inje Non mi fa impazzire: mi piace la musica ma non la vocalità. 5
Polonia Gromee e Lukas Meijer Light me up Allegra e piacevole, un’altra canzone che rimane ed è divertente ascoltare più volte. 7
Svezia Benjamin Ingrosso Dance you off Non mi ha colpito molto, mi sembra troppo un imitazione mixata di Justin Bieber e Justin Timberlake. 5
Ungheria AWS Viszlát nyár Non mi piacciono le canzoni rock/metal ma questa canzone mi ha colpita in positivo. 6 e mezzo
Slovenia Lea Sirk Hvala, ne! Sound particolare e bella vocalità. Sicuramente una canzone diversa da molte che tendono ad uniformarsi. 6 e mezzo
Ucraina Mélovin Under the ladder Carina e ritmata, rimane in mente anche dopo averla ascoltata. 7

Finale

Voti di Francesco di Mento

PAESE INTERPRETE TITOLO GIUDIZIO VOTO
Francia Madame Monsieur Mercy Un pezzo pop molto leggero, dallo strumentale molto dream pop e piacevole eppure con un testo di una certa importanza. Tra i brani pop presenti in gara, è uno di quelli meglio riusciti. 6.5
Germania Michael Schulte You let me walk alone Ottimo brano di levatura pop, molto gradevole e nei canoni dei pezzi presentati in gara. Nulla di spettacolare ma carino, Vero protagonista da menzionare è il pianoforte che impreziosisce tutto il brano. 6.5
Italia Ermal Meta e Fabrizio Moro Non mi avete fatto niente L’eurovision nasce con lo scopo di unità tra le nazioni, quindi la tematica del pezzo sta perfettamente con il contest. Musicalmente non riesce a distinguersi rispetto alle altre, cosa che era successa in passato. Ma comunque si tifa Meta Moro! 6.5
Portogallo Cláudia Pascoal O jardim Bel brano, classica ballata pop intima e più moderna di quella che l’anno scorso ha portato la nazione alla vittoria. Anche da big, il Portogallo fa la sua bella figura. 6
Regno Unito SuRie Storm Brano ben prodotto ma non riesce a spiccare o a portare qualcosa di nuovo rispetto alle altre proposte in gara, soprattutto tra quelle in semifinale. Tra le big, a mio parere è la peggior riuscita. 5.5
Spagna Amaia Romero e Alfred García Tu cancion Ballad molto semplice, classica e piacevole da ascoltare. Bello il bridge, ma le manca quel pizzico magico da renderlo memorabile. 6

Comments

comments