Si sono svolte in questi giorni le visite del comitato speciale della TV dei Paesi Bassi, NPO, alle due città rimaste in gara per ospitare l’Eurovision Song Contest 2020: Maastricht e Rotterdam. Le visite hanno verificato le potenziale sedi, le infrastruttura e la logistica del prossimo concorso.

Mercoledì 17 luglio, il comitato e il Produttore Esecutivo Sietse Bakker, hanno incontrato Anne Marie Penn-te Strake, sindaco di Maastricht, Rob Van de Wiel (direttore del MECC) e Inge Dovermann (capo progetto ESC Maastricht).

Bakker è rimasto molto impressionato dall’entusiasmo e dalla candidatura di Maastricht e ha affermato:

Il MECC è ottimo, ha una posizione fantastica con molte opzioni. Vi si può organizzare un grande Eurovision. Sono piacevolmente sorpreso dall’entusiasmo di Maastricht. È davvero incredibile!

In termini di altezza, larghezza e profondità, l’arena del MECC ricorda le edizioni di Kiev e Tel Aviv. Questo lo rende stimolante! Vogliono davvero ospitare il concorso qui a Maastricht.

In entrambe le città esaminiamo l’idoneità della posizione, ciò con cui la città può contribuire e quali sistemazioni sono disponibili. Rotterdam e Maastricht soddisfano entrambi questi tre punti.

La delegazione ha anche potuto effettuare un tour virtuale dell’arena in cui dovrebbe essere allestito il palcoscenico.

Il signor Van de Wiel (direttore del MECC) ha affermato:

Ci hanno chiesto di spostare un po’ il palco, perché la logistica intorno al palco è molto più grande. Quindi dobbiamo tornare al tavolo da disegno.

Ieri, giovedì 18 luglio, il comitato organizzatore e Bakker hanno, invece, incontrato Said Kasmi (Consigliere comunale di Rotterdam) e Jolanda Jansen (direttore del Rotterdam Ahoy).

Jolanda Jansen ha affermato:

L’incontro è stato incredibilmente importante. Per prima cosa abbiamo analizzato il bidbook in modo dettagliato, ci siamo presentati come città e abbiamo visitato le sedi. Abbiamo trascorso alcune ore a discutere di varie idee riguardanti i diversi spazi e sale.

Ultimamente abbiamo svolto molti compiti a casa, ad esempio siamo stati in contatto con alcune delle sedi dell’Eurovision e delle città ospitanti che hanno organizzato il concorso negli ultimi anni, come Stoccolma, Vienna e Lisbona.

È stato molto bello discutere tutte queste cose una città con l’altra. Una lezione molto importante è che tutto questo è più grande di qualsiasi altra cosa che io abbia mai sperimentato.

Said Kasmi è poi intervenuto:

Potremmo presto ospitare il più grande concorso musicale, suppongo che ci saranno 246 milioni di spettatori in tutto il mondo che guarderanno lo spettacolo. Tutti gli occhi saranno puntati su Rotterdam e avremo molti visitatori in arrivo in città. Stiamo lavorando duramente perché tutto vada nel migliore dei modi.

Rotterdam ha ospitato lo Junior Eurovision qualche anno fa e la NPO non lo ha dimenticato.

Sietse Bakker conclude:

L’EBU ha avuto un’esperienza molto positiva con il Junior Eurovision Song Contest 2007 qui. Penso che certamente conti. La Rotterdam Ahoy è una location molto bella per tre eventi televisivi molto spettacolari. Ci sono molti spazi e sale nelle immediate vicinanze dell’arena principale che possono ospitare la stampa, le delegazioni, i team di produzione e tecnici ecc.

Il Team organizzativo dell’Eurovision Song Contest 2020 valuterà le varie offerte nelle prossime settimane e  la città che ospiterà l’Eurovision Song Contest 2020 sarà annunciato in agosto.

Fonti:  1 LimburgLimburger.nlRTV Rijnmond

Foto: © Peter Schols/ Limburger.nl, Martijn Van der Zande

Comments

comments