Che il brano “Fai rumore”, con cui Diodato ha vinto il Festival di Sanremo 2020 e con cui avrebbe dovuto rappresentare l’Italia all’Eurovision Song Contest di Rotterdam, fosse fonte di ispirazione era già noto.

Nella prima fase della pandemia di COVID-19, infatti, i video dei flashmob musicali, che nascevano spontaneamente dai balconi e dalle finestre di tutta Italia, in cui risuonavano le note del brano del cantante tarantino, erano diventati virali. L’invito ad abbattere i muri dell’incomunicabilità in quelle ore diventava un inno all’unione ed alla speranza di superare un momento così difficile per l’Italia.

Ma “Fai rumore” è stata fonte di ispirazione anche per Giovanni Guida, un artista di Cesa, un paese in provincia di Caserta. Il giovane pittore e illustratore ha già all’attivo diverse sue opere esposte in diversi musei italiani e internazionali e pubblicato su importanti testate quali la Repubblica, Il Fatto Quotidiano, Avvenire e Corriere della Sera.

Guida ci racconta: “Sono molto legato al cantautore Diodato, il quale mi ha ispirato – attraverso le emozioni che ha riversato con l’interpretazione dei sui brani – per la realizzazione di due opere che, per motivi diversi, sono diventate virali.”

In occasione della presentazione del suo album “Che vita meravigliosa” alla Feltrinelli di Napoli, decide di realizzare un’illustrazione che omaggi l’artista, intitolandola proprio “Fai rumore”: “Un’immagine simbolica ed evocativa che riuscisse ad esprimere la sua anima ed il significato profondo del suo celebre brano.”

Fai rumore

Fai rumore – Illustrazione di Giovanni Guida

Particolare la tecnica con cui viene creata l’illustrazione, come ci spiega il suo autore: “L’ho realizzata con la tecnica surrealista del grattage, che consiste nel grattare con delle lame appuntite la pittura ancora fresca stesa sulla superficie. Questa tecnica mi ha aiutato nell’intento di scavare, scarnificare, scalfire (parafrasando il significato del suo singolo “Fai rumore”) e, nella frammentazione di questi processi, riuscirne a catturare l’intima essenza dell’artista, presentato come un cantautore gentile, sensibile, riservato, che si dona solo attraverso il suono della sua arte.”

L’illustrazione è pubblicata da Il Corriere della Sera, dal settimanale Gente e da La Gazzetta del Mezzogiorno, in occasione del conferimento da parte del Comune di Taranto dell’attestato di benemerenza civica a Diodato, il 22 febbraio scorso.

Ma Giovanni Guida trova in Antonio Diodato, ancora una volta, l’ispirazione per un’altra opera intitolata “E guarirai da tutte le malattie.. ed io, avrò cura di te”: “Il 15 marzo, ospite della trasmissione “Che tempo che fa” di Fabio Fazio, Diodato ha regalato in apertura una splendida versione de “La Cura” di Franco Battiato, dedicandola a tutte quelle persone che combattano in prima linea contro il virus. Nei giorni successivi nasce questa mia nuova illustrazione che considero un vero e proprio augurio all’Italia.”

“E guarirai da tutte le malattie.. ed io, avrò cura di te” – Illustrazione di Giovanni Guida

L’opera, diventata virale in tutto il mondo, vuole essere un augurio all’umanità per sconfiggere questa pandemia e riscoprire i limiti dell’uomo e il valore della comunità.

Diodato sarà protagonista domani sera dello show sostitutivo della Finale dell’Eurovision Song Contest 2020, “Eurovision: Europe Shine A Light”, durante il quale si esibirà nella splendida cornice dell’Arena di Verona completamente vuota, nel suo brano “Fai rumore”.

“Eurovision: Europe Shine a Light”, andrà in onda su RAI 1 alle ore 20.35, con il commento di Federico Russo e Flavio Insinna, che commenteranno la serata dal Teatro delle Vittorie in Roma. Inoltre, Gino Castaldo ed Ema Stokholma, saranno i commentatori della serata anche su RAI 4, che trasmetterà l’evento in simulcast con RaiPlay e RAI Radio2. Al termine dello show, intorno alle ore 23.35, su RAI 1 andrà in onda “Techetechetè – Note d’Europa”, uno speciale excursus del popolarissimo contest eurovisivo, con particolare riferimento ai vincitori e ai conduttori.

Comments

comments